Spagna mistica, sulle orme di Santa Teresa d'Avila

Da Granada e Burgos a Salamanca, Toledo e Siviglia ma anche Segovia, Alba de Tormes e ovviamente Avila: è l'itinerario sulle orme di Santa Teresa proposto dall'Unione delle Città Teresiane in occasione del V Centenario della nascita della santa che ricorre a ottobre 2015. Per la Spagna, terra già ricca e orientata in vari modi al turismo religioso dal celeberrimo cammino di Santiago de Compostela alle celebrazioni della Settimana Santa, arriva un nuovo circuito turistico o di pellegrinaggio che permette di scoprire il lascito della grande santa, umanista e viaggiatrice visitando anche i molti conventi carmelitani da lei fondati.

Il percorso Huellas Teresa de Jesus (www.huellasdeteresa.com) parte idealmente da Avila, dove sono state scritte alcune della pagine più eccezionali della mistica ebrea, islamica e cristiana: Giovanni della Croce Pietro di Alcantara, Mose di Leon, Nissim Ben Abraham o il Mancebo di Arevalo. Ma la cittadina è indissolubilmente legata a Santa Teresa che qui trascorse l'infanzia e la gioventù, gli anni della formazione e dei progetti. Ad Avila si trova anche il primo convento di San Giuseppe: nel 1567 arrivò il superiore generale dei Carmelitani, Giovanni Battista Rossi, che autorizzò la santa a creare altri "colombai" della Vergine (come amava chiamare le sue fondazioni).

Da qui comincia l'avventura di fondazione di Santa Teresa che in appena 20 anni raggiunge anche Medina del Campo, Malagon, Valladolid, Pastrana, Segovia, Beas de Segura, Caravaca de la Cruz, Villanueva de la Jara, Palencia, Soria e si conclude a Alba De Tormes dove nel 1582 a 67 anni muore e viene sepolta. Il percorso comprende anche gioielli ultranoti della Spagna come Toledo (dove c'è l'ultima delle fondazioni teresiane), Salamanca (dove ci sono due percorsi dedicati, uno sui luoghi teresiani e uno sulla spiritualità femminile), Siviglia (dove c'è l'undicesima fondazione e un considerevole numero di reliquie), Granada (dove fondò il monastero di San Giuseppe) e Burgos (dove sono conservate le espadrillas e il velo di Santa Teresa).

Fonte ANSA.IT